Donne straordinarie, che hanno fatto della propria vita una missione, e del proprio cattolicesimo un’ispirazione, restano nella storia perché hanno avuto la capacità di condizionarne il corso. Vi proponiamo 10 di loro, in rappresentanza di tutte le altre, magari meno famose, che però hanno saputo comunicare un barlume di speranza grazie alla fede nel Signore ed alla determinazione con cui non si sono arrese alle difficoltà.

  1. Phyllis Bowman, giornalista per il Fleet Street, si impegnò in un’indagine medica circa le cause dell’autismo nei bambini. Fu a quel punto che decise quale sarebbe stato il suo scopo nella vita: dedicarsi alla difesa della vita, per quei bambini che non sono ancora nati ed hanno il diritto di farlo, e contro ogni tentativo di legalizzare l’aborto. È morta da poco, ma fino agli ultimi istanti di vita, dettava ancora lettere da distribuire agli attivisti.
  2. Santa Teresa di Lisieux, quando Santa Teresa morì nel 1897, non era niente più che una suora, senza doti particolari. La storia le avrebbe concesso ben altri onori: canonizzata e proclamata Dottore della Chiesa, ma soprattutto adorata per il suo libro “Storia di un’anima”, che stabilisce un percorso netto verso la redenzione attraverso l’umiltà nelle piccole cose quotidiane. Nel corso del Tour delle sue reliquie nel 2009, Teresa ha raccolto oltre 250000 persone, tra cattolici e non.
  3. Santa Ildegarda di Bingen, nata nel 1098, cominciò ad avere visioni all’età di cinque anni, talmente nitide e precise che Papa Eugenio III la riconobbe ufficialmente veggente. Ildegarda dimostrò in vita una serie sconfinata di talenti, dalla medicina, al misticismo, alla musica, all’arte in generale, divenendo fonte di ispirazione per artisti del calibro di Dante e Leonardo da Vinci. La sua influenza le consentì addirittura di fondare due abbazie in Renania.
  4. Dorothy Day Dorothy scriveva per una serie di giornali di sinistra, senza mai aderire al partito comunista. Nel 1928 decide di battezzare sua figlia Tamar, nonostante l’opposizione del padre. Dorothy a quel punto si ritrova sola, perché il suo compagno la lascia. Fonda insieme a Peter Maurin il Movimento dei lavoratori cattolici, destinato ad aiutare chi era in difficoltà a causa della Grande Depressione. Mense, case, coltivazioni, l’aiuto era concreto, nonostante mille difficoltà finanziarie.
  5. Edel Quinn Edel era una ragazza bellissima di 20 anni, quando entrò a far parte della Legione di Maria. Ben presto però si ammalò di tubercolosi. Frank Duff, fondatore della Legione, nonostante la salute precaria di Edel, decise di mandarla in Africa per sfruttare il suo grande ascendente sulle folle. Edel accettò di buon grado, e fondò innumerevoli centri della Legione di Maria, coinvolgendo migliaia di africani nell’Amore della Madonna. Morì in Africa a soli 36 anni.
  6. Madre Teresa di Calcutta: Madre Teresa venne chiamata da Dio a fondare le Missionarie della Carità. Dopo aver studiato medicina di base, si dedicò immediatamente a prestare soccorso alle classi meno abbienti. Le difficoltà economiche la costringevano a chiedere la carità, per poter godere delle entrate necessarie. Ma ben presto riuscì a coinvolgere altre donne, tanto da poter continuare per 45 anni nel suo operato in favore di orfani, poveri, malati.
  7. Eleanor Josaitis, il tratto distintivo di Eleanor era il coraggio. Negli anni 60 sentì forte la necessità di impegnarsi nel sociale per offrire pari opportunità a chi non godeva di un’istruzione adeguata. Nel 68 fondò “Focus: Hope”, ed immediatamente dopo l’Istituto di Formazione Machinist. Donna evidentemente scomoda, nel 1970 cominciarono per lei lettere minatorie anonime, sfociate in un attentato dinamitardo alla sede della sua associazione. Eleanor non si fece intimidire, e con lei si sono laureate 11000 persone.
  8. Madre Angelica: Madre Angelica è diventata suora quando aveva 30 anni. Aveva l’abitudine di annotare i suoi pensieri su libretti e su cassette a nastro. Poi l’intuizione: utilizzare la tv e la radio per provare ad evangelizzare quante più persone possibile. La sua ispirazione, il suo carisma, non hanno avuto difficoltà a creare proseliti in tutto il territorio nordamericano.
  9. Flannery O’Connor: O’Connor è stata una delle più grandi scrittrici femminili. In particolare ideava romanzi i cui protagonisti attraversavano varie vicissitudini spirituali prima di salvarsi nel Protestantesimo. Splendide restano anche le pagine in cui parla della meraviglia del creato attraverso descrizioni di nature selvagge o serenamente idilliache.
  10. Dolores Hope: Dolores era una cantante professionista e sposò Bob Hope, il famoso comico americano. Un Natale di molti anni fa Dolores eseguì Silent Night di fronte ad una platea di soldati in Vietnam: il pubblico lasciò la sala in lacrime. Era il carisma di Dolores: colpire chi era di fronte a lei per la profondità del suo amore, che manifestava in instancabili opere di beneficienza ed inviti continui alla conversione.

LASCIA UN COMMENTO