Recentemente si è spenta Laura Antonelli, diva del cinema degli anni ’70, spesso impiegata in ruoli sensuali all’interno di commedie leggere. La sua reputazione, nell’immaginario degli italiani, è rimasta sempre e comunque legata ai film che l’hanno resa a lungo un’icona di bellezza femminile.

Laura Antonelli

Ma nell’ultimo periodo della sua vita Laura aveva incontrato la Fede, e vi si era affidata proprio come Claudia Koll. Tra le due è nata infatti una tenera amicizia, cominciata nel momento in cui Claudia è andata a far visita a Laura, sapendo che versava in un periodo di salute precaria.

Per inciso, non devono essere stati in molti a rimanerle vicino, se Laura ha lasciato un bigliettino in cui chiedeva che nel suo ultimo istante le fossero vicini il fratello, Lino Banfi, i sacerdoti di Ladispoli, e appunto, Claudia.

Venendo a sapere nel 2011 della malattia di Laura, la Koll comincia a farle visita regolarmente, portandole in dono ora un calendario della sua associazione, ora un quadro cui teneva molto, ora un letto più confortevole. Le parlava spesso dell’importanza di farsi testimoni viventi del Vangelo, e quando Laura una volta le confessò di aver rilasciato una piccola intervista riguardo la sua conversione, Claudia ne fu molto felice:

“ Era una piccola cosa ma un progresso. Io potevo comprenderla, le volevo bene, non la dimenticherò nelle mie preghiere”.

LASCIA UN COMMENTO