In un breve video, realizzato e diffuso grazie all’iniziativa dell’Apostolato della Preghiera, viene mostrata l’intenzione mondiale di preghiera di Papa Francesco per il mese di gennaio 2016. La tematica affrontata questo mese riguarda il dialogo interreligioso, tema particolarmente caro a Papa Francesco perchè è da considerarsi la migliore risposta ai conflitti ideologici che stanno dilaniando il mondo negli ultimi anni.

Nel video compaiono, oltre al Papa, alcuni rappresentanti delle altre religioni: Rinchen Kandro (Lama), Daniel Goldman (Rabbino), Guillermo Marcò (Sacerdote cattolico), e Omar Rabboud (Leader islamico). Tutti dichiarano di credere in Dio (chi in Budda, chi in Allah, chi in Gesù Cristo). E tutti dichiarano di credere nell’amore. E’ questo il senso del messaggio: siamo tutti figli di Dio, anche se lo identifichiamo in maniera diversa.

Da questa premessa parte l’intenzione di preghiera del mese di Papa Francesco, che invita ognuno di noi a diffondere: “che il dialogo sincero fra uomini e donne di religioni differenti porti frutti di pace e di giustizia”. Un messaggio chiaro e pregno di quell’amore che accomuna ogni religione della Terra. Con queste parole dovremmo pregare Dio, auspica il Papa, perchè ascolti la nostra invocazione di pace e serenità tra le religioni ed i popoli.

Papa Francesco aveva già affrontato quest’argomento in precedenti intenzioni di preghiera. Ricordiamo quelle di un anno fa, per il gennaio 2015: “Perché gli appartenenti alle diverse tradizioni religiose e tutti gli uomini di buona volontà collaborino nella promozione della pace”. Un anno prima ancora, invece, sosteneva la necessità dell’unione di chi Crede in Cristo: “Perché i cristiani delle diverse confessioni possano camminare verso l’unità voluta da Cristo”.

Stessa tesi affrontata in occasione delle intenzioni per il gennaio 2013: “Perché i cristiani delle diverse confessioni possano camminare verso l’unità voluta da Cristo”. Sullo stesso tema si era confrontato Papa Benedetto XI, il quale con il consueto garbo invitava i cattolici a farsi testimoni di pace nei confronti di chi non vuol saperne di deporre le armi, ed a ricercare le ragioni di un’unità si spera sempre più consolidata.

Il video è girato in lingua spagnola, ma presenta sottotitoli in varie lingue. Non potrebbee essere diversamente da così, perchè ogni popolo comprenda con immediatezza l’urgenza delle parole del Santo Padre.

LASCIA UN COMMENTO