In questi giorni la TV sta celebrando i 75 anni di Mina. Un tributo doveroso ad un’artista italiana che la storia non potrà che ricordare come una delle più grandi cantanti di musica leggera mai apparse sui palcoscenici mondiali.

Le sue interpretazioni sono tutte, senza nessuna eccezione, assolutamente memorabili, contraddistinte non solo da una perizia tecnica ineguagliabile, ma anche da una fantasia interpretativa mai banale.

La maggior parte delle sue canzoni, e delle sue interpretazioni di canzoni altrui, sono note al grande pubblico. Ma alcuni suoi progetti, meno sponsorizzati perché meno commerciali, sono poco ascoltati.

Oggi vorremmo riportare alla memoria un suo album, pubblicato nel 2000 in occasione del Giubileo: “Dalla Terra”. È composto di canti e arie di carattere religioso, tratte per lo più dal repertorio gregoriano. Avvalendosi della collaborazione di esperti nel campo, Mina ha studiato ed interpretato alla sua maniera un genere a lei inconsueto, con esiti che vi invitiamo ad ascoltare, perché particolarissimo è il connubio tra musiche dall’altissima intensità spirituale, ed una voce che riempie di Terra l’etereità del canto.

LASCIA UN COMMENTO