La Novena dell’Angelo Custode ha il duplice scopo di ringraziare il nostro Angelo Custode per il suo operato a nostro beneficio, e di chiedere il suo aiuto e la sua intercessione per ottenere una grazia da Dio. Si compone di nove invocazioni, anticipate da un “O Dio vieni a salvarmi. Signore vieni presto in mio aiuto”, da un Gloria, e da un Credo, seguite ognuna da tre “Angelo di Dio”. Va recitata per nove giorni consecutivi.

Nella prima invocazione, dopo aver salutato e ringraziato l’Angelo Custode, gli si chiede di mantenere intatta la purezza acquisita tramite il Battesimo. Nella seconda invocazione si implora l’Angelo di poter intuire con chiarezza qual è il piano di Dio nei nostri confronti, in maniera da aderirvi quanto più possibile e meritarne la ricompensa eterna promessa ai veri cristiani.

Nella terza invocazione della Novena all’Angelo Custode si chiede di fare in modo che mai nella nostra giornata manchi il pensiero di Dio, unico a poterci donare la saggezza necessaria a gestire le azioni, le parole, e le intenzioni nel corso della nostra vita. Nella quarta invocazione si chiede all’Angelo la forza necessaria a non comportarsi apaticamente nei confronti del grande Nemico, perchè una fede distratta è una vittoria di Satana.

Nella quinta invocazione si chiede ancora una volta che l’Angelo ci aiuti nella lotta contro il Male, che ci doni la determinazione necessaria a non cadere vittime dei suoi agguati, per poter condurre un’esistenza quanto più conforme agli insegnamenti di Gesù Cristo. Nella sesta invocazione si chiede all’Angelo la grazia di poter dissipare ogni nostro dubbio, ogni volta che ci sovviene una perplessità nei confronti di Dio.

La settima invocazione si chiede all’Angelo la virtù della perserveranza, indispensabile se non si vuole incorrere frequentemente in errori che fiaccano la nostra anima. Nella ottava invocazione si prega l’Angelo Custode affinchè ci sostenga nei momenti difficili, in maniera che non corriamo mai il rischio di imputare a Dio le nostre sofferenze, i nostri sbagli, i nostri dolori, come accade purtroppo così di frequente.

La nona ed ultima invocazione è la più lunga. Chiede all’Angelo di poter godere dell’Amore vero, quello proveniente da Dio, in maniera che le gioie della carne ed in generale dei piaceri terreni a confronto risultino parecchio se non definitivamente revisionate. A conclusione della Novena, si recitano le seguenti parole:

000(1).jpg 000(1).jpg 000(1).jpg

LASCIA UN COMMENTO