Paolo Brosio, ai tempi in cui divenne noto al pubblico televisivo quale inviato del Tg4 di Emilio Fede, si era lasciato andare ad una vita di eccessi e stravaganze. Oggi l’ex giornalista tv si è convertito alla religione cattolica, e testimonia in ogni maniera la sua devozione, in particolare alla Madonna di Medjugorje.

Ne sono la prova i titoli dei libri che ha scritto: ‘A un passo dal baratro. Perché Medjugorje ha cambiato la mia vita’, ‘Profumo di lavanda. Medjugorje, la storia continua’; ‘Viaggio a Medjugorje. Trent’anni con la Regina della Pace’; ‘Nella terra delle meraviglie. A Medjugorje la Madonna scende in campo’.

Ma una menzione particolare nel cuore cattolico di Paolo Brosio oggi la merita anche il Papa, non solo perché dimostra una particolare predilezione per la figura della Madonna, ma soprattutto perché potrebbe riconsiderare la posizione ufficiale della Chiesa nei confronti di Medjugorje, non ancora riconosciuta come sede di eventi soprannaturali.

Sono molti gli indizi che portano Paolo Brosio a nutrire speranze concrete in questo senso:

  1. Ai tempi in cui Bergoglio era ancora primate della chiesa argentina, rimase particolarmente colpito dal racconto che un suo emissario fece dell’atmosfera di Medjugorje.
  2. Esistono testimonianze fotografiche di una frequentazione tra il cardinale Bergoglio e Suor Elvira, la fondatrice della comunità Cenacolo, una delle più grandi comunità di recupero di tossicodipendenti di Medjugorje.
  3. Suor Elvira ha aperto una sede della sua comunità in Argentina, ed ha ospitato uno degli elettori di Papa Francesco nella sede di Medjugorje.
  4. Un frate francescano minore nato nei pressi di Medjugorje dovrebbe essere uno dei confessori del Papa (notizia che Paolo Brosio sta ancora verificando).

LASCIA UN COMMENTO