Papa Francesco ha affrontato il tema del fidanzamento in una delle sue recenti catechesi. Lo ha fatto consapevole che i tempi moderni tendono a bruciare le tappe che portano a matrimoni troppo spesso affrettati e di conseguenza poco duraturi.

La ragione è da ricercare nel fatto che il fidanzamento non è vissuto davvero come un cammino in cui i due futuri coniugi imparano a conoscersi così come dovrebbe essere:

“l’uomo ‘impara’ la donna imparando questa donna, la sua fidanzata; e la donna “impara” l’uomo imparando questo uomo, il suo fidanzato”.

Il Papa arriva a definire “alleanza” questo percorso insieme, sottolineando come si tratti di un percorso che richiede consapevolezza, e non di una esperienza vissuta sulle ali dell’infatuazione:

“L’alleanza d’amore tra l’uomo e la donna, alleanza per la vita, non si improvvisa, non si fa da un giorno all’altro”.

Non manca di ricordare l’importanza dei corsi prematrimoniali, che tanto bene hanno fatto a coppie che magari fino ad allora non avevano trovato utile riflettere sulle basi del loro rapporto, e conclude invitando i fidanzati a pronunciare reciprocamente le seguenti parole:

“Ti farò mia sposa, ti farò mio sposo”

LASCIA UN COMMENTO