papa francescoLe parole di Papa Francesco suonano lapidare, come una sentenza improcrastinabile, perché la luce della verità non smetta mai di risplendere. Bergoglio ha incontrato il procuratore di Santo Domingo,  Francisco Dominguez Britoil, che si trova attualmente in Vaticano per il caso di Jozef Wesolowski, l’ex nunzio apostolico 66enne, arrestato per abusi su minori e possesso di materiale pedopornografico. Non è mai successo che un papa disponessi l’arresto di un uomo di Chiesa nello stesso territorio vaticano. La decisione di Bergoglio riflette la sua precisa volontà di non transigere su questo peccato così grave, chiunque esso sia.

Papa Francesco si è rivolto al procuratore di Santo Domingo con queste parole: “Mai ostacolare la verità sui casi di pedofilia”. Il messaggio è stato letto forte e chiaro, visto che, almeno inizialmente, era emersa l’ipotesi che la Repubblica Dominicana, dopo aver aperto un’indagine sul nunzio, ne avesse chiesto poi l’estradizione al Vaticano, visto che, proprio nella Repubblica Dominicana Jozef Wesolowski ha prestato servizio e dove sarebbero avvenuti i gravi fatti di cui è accusato (stupro e abusi sessuali sui minori). Tolleranza zero e rigore sono stati imposti da Papa Francesco, tanto che persino la commissione dell’Onu per i diritti dei bambini è intervenuta sul caso, comunicando ufficialmente di “apprezzare i passi presi dal Vaticano”.

Jozef WesolowskiJozef Wesolowski, ex arcivescovo polacco, è stato condannato lo scorso luglio in primo grado alla riduzione allo stato laicale ed è in attesa di giudizio da parte del tribunale della Città del Vaticano.

Sua Santità il Papa Francesco ha espresso al procuratore generale della Repubblica dominicana l’importanza che prevalga sempre la verità e che le istituzioni di entrambe le giurisdizioni agiscano con piena libertà e dentro il quadro delle norme“, ha affermato Francisco Dominguez Britoil, il procuratore dominicano, in una dichiarazione diffusa anche dal portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi.

Che prevalga sempre la verità.

 

LASCIA UN COMMENTO