Padre Amorth, forse il più noto esorcista dei nostri giorni, racconta nel libro “Così i vince il demonio” di come Papa Wojtyla non si tirò indietro di fronte a due richieste di esorcismi.

Per quattrocento anni nessun Papa osò sfidare apertamente il Demonio, come fece Karol per la prima volta nel 1982, per liberare Francesca, una ragazza posseduta da un demone talmente potente da resistere all’esorcismo del Papa, e mantenere la possessione di Francesca per altri 5 anni, nonostante l’esorcismo di Papa Wojtyla si fosse dimostrato abbastanza efficace.

Il Papa procedette subito dopo all’esorcismo, nella sua cappella privata in Vaticano. Francesca non faceva altro che sputare e strisciare contorcendosi al suolo. Le persone che attorniavano il Papa non credevano ai loro occhi: ‘Non abbiamo mai visto una scena come quelle che si descrivono nel Vangelo.

Papa Giovanni Paolo II tornò ad esorcizzare qualcuno solo nell’anno 2000, quando una ragazza diciannovenne che si riteneva fosse stata liberata dal Demonio cominciò a dare segni di grande inquietudine durante un’udienza generale del Papa. Poiché in molti notarono le urla della ragazza, e ne riferirono al Santo Padre, Karol chiese di vederla dopo l’udienza in un luogo isolato.

Anche in questo caso l’esorcismo non riuscì del tutto, tanto che Padre Amorth si ritrovò a dover completare l’opera che il Papa aveva cominciato.

Giovanni Paolo II trattò la ragazza, questo sì, con grande affetto per mezz’ora, e le disse che avrebbe offerto la messa del giorno seguente per la sua liberazione. Il giovedì ripetemmo l’esorcismo, per due ore. Il demonio alluse allora all’incontro celebrato il giorno prima con il Papa. Era felicissimo. Quante risate fece il miserabile! Obbligò la povera ragazza a dirmi: ‘Neanche il tuo capo (Giovanni Paolo II) è riuscito a far qualche cosa con me!’

Avendo la possibilità di interrogare il Demonio in quell’occasione, Padre Amorth scoprì che il Maligno era felicissimo di essere riuscito a resistere all’esorcismo di Papa Wojtyla, che lo odiava per aver contribuito in maniera decisiva alla caduta dei regimi comunisti, e che odiava parimenti la Madonna perché un’umana era riuscita ad umiliarlo a più riprese.

“Mi rispose che odiava Karol per due motivi: primo, perché ha mandato all’aria i suoi piani con la caduta del regime comunista in Europa. E poi perché gli ha strappato le anime di molti giovani durante il suo pontificato. E quando gli ho chiesto perché temeva così tanto la Vergine, mi ha risposto: perché sono stato molto umiliato e vinto da una creatura umana”

 

LASCIA UN COMMENTO