Nell’ultima tappa del suo tour americano, a Filadelfia, Papa Francesco potrebbe aver operato il suo primo miracolo. Si tratta della progressiva guarigione di Gianna, una bambina americana di un solo anno.

I genitori l’avevano portata il 26 settembre scorso ad assistere alla sfilata del Papa in occasione dell’incontro mondiale delle Famiglie. Lì un uomo della sicurezza porse la bambina a Papa Francesco, il quale la baciò sulla testa. Da allora il tumore al cervello di Gianna (incurabile) è misteriosamente regredito, senza alcuna spiegazione medica plausibile. I genitori sono ovviamente felicissimi, e non hanno dubbi il merito sia tutto di Papa Francesco e di quel bacio sulla fronte.

Non solo il tumore sta regredendo, ma la bambina, a detta dei genitori, sembra cominciare a fare progressi comportamentali: “Gianna sta migliorando e diventando più forte. Ha iniziato a dare i bacini e a indicare le cose. […] L’anno scorso vivevamo per lei, ora possiamo vivere con lei. Penso che tutto questo sia accaduto grazie a Dio, e che il Papa sia un suo messaggero”.

LASCIA UN COMMENTO