Stefano-santoMolti sono i santi di cui si conosce poco, e che vengono trascurati per una collocazione non particolarmente evidente nel calendario. Per Santo Stefano questo è vero solo in parte. Sicuramente tra i Santi è uno dei più conosciuti, perché viene festeggiato immediatamente dopo il Natale. Che poi questo non basti a garantirgli una notorietà che vada oltre il nome risulta evidente dal fatto che in pochi conoscono davvero la storia di Santo Stefano.

Cominciamo col dire che il suo posto di rilievo nel calendario cattolico gli è stato assicurato dalla cronologia del suo martirio, che ne fa il primo martire della storia cristiana. Per il resto, della sua vita si conosce poco. Potrebbe avere origini greche o ebraiche, ma l’unico dato certo è che gli Apostoli lo nominarono addetto alle mense, assieme ad altri 6 fedelissimi (una sorta di diaconato in nuce). Stefano non si limitava al suo compito pratico, ma si lasciava notare per il fervore e la passione delle proprie prediche.

Il suo carisma ne fece oggetto di invidia e preoccupazione, per cui fu ben presto accusato di frasi inopportune nei confronti del nostro Dio. La sua arringa difensiva, nel 36 D.C. ebbe come unico risultato l’esasperazione di una folla già propensa ad ottenere la propria vittima quotidiana, per cui dalla folla stessa venne prelevato e sepolto sotto un’immediata sassaiola. Tale fu la ferocia della folla che in molti si spogliarono dei propri mantelli per procedere alla lapidazione, e li lasciarono nelle mani di Saul, un giovane che assisteva alla scena.

Egli sarebbe diventato, molto più tardi, quel famoso San Paolo, Apostolo delle genti, che grazie ad una vocazione improvvisa si redense da una vita trascorsa all’insegna delle persecuzioni cristiane. Fino al 415 nessuno badò molto al culto di Santo Stefano, finchè al sacerdote Luciano di Kefar-Gamba non apparve in sogno il dotto Gamaliele, il quale chiedeva degna sepoltura per sé e altri tre suoi compagni, tra cui proprio Santo Stefano. Gamaliele indicò anche il luogo in cui era, e quello in cui avrebbe voluto essere.

Le sue istruzioni erano esatte, e portarono alla scoperta delle Sacre Reliquie, che da quel momento in poi diedero il via ad un culto destinato ad attraversare secoli e nazioni fino al giorno d’oggi, condito da miracoli e prodigi vari che ne hanno consolidato la fama.

LASCIA UN COMMENTO