Il 24 Giugno del 1981 cominciarono le apparizioni della Vergine Maria a 6 bambini di Medjugorje. A 34 anni di distanza il Papa ha ricevuto la relazione relativa a quelle apparizioni, stilata da una commissione fortemente voluta da Papa Ratzinger. “Il Giornale” rivela alcune anticipazioni di questa relazione, che il Papa deciderà se confermare o smentire.

Potrebbe essere ritirato il divieto di recarsi in pellegrinaggio in quei luoghi, a patto che si eviti di assistere alle presunte apparizioni che 3 veggenti dicono di ricevere ancora. Il Vaticano infatti non può pronunciarsi sulle apparizioni prima che esse siano del tutto terminate.

Una seconda ragione di questa scelta potrebbe risiedere nel pericolo che i fedeli si lascino andare a fenomeni di fanatismo, ingiustificato finché il Vaticano non avrà sentenziato che Medjugorje è davvero un luogo santo, meritevole di relativo Santuario.

Una soluzione salomonica, insomma: da un lato non verrebbero vietati i pellegrinaggi (perché rappresentano comunque un’occasione di preghiera), dall’altro verrebbe ribadito il divieto di assistere all’estasi mistica dei veggenti. Soluzione forse necessaria ad evitare fratture traumatiche interne al mondo dei fedeli e della Chiesa, visto il grande seguito su cui può contare Medjugorje.

LASCIA UN COMMENTO